NORMATIVA SULLE TARIFFE PROFESSIONALI

COMMISSIONE CORRISPETTIVI E PARAMETRI
PRESIDENTE: ARCH. LILIANA MONTIN
COMPONENTI: ARCH. GIACOMO LIPPI
ARCH. FRANCO BISCOSSA
MEMBRI UDITORI: ARCH. EMMA BISCOSSA
ARCH. GIORGIO GALEAZZO
ARCH. MARCO LIPPI ANGELI
ARCH. FRANCESCA POZZATO
ARCH. ERIKA TAMIOZZO

Alla luce della Legge 27 del 24 marzo 2012 di conversione del Decreto Legge n. 1 del 24 gennaio 2012 si rende necessario
puntualizzare i criteri – da pubblicare nel sito web dell’Ordine – per l’istruttoria e la convalida delle parcelle, fermo
restando che in ottemperanza al disposto sopra richiamato a far data dal 24/01/2012, ogni riferimento alla tariffa
professionale in contratti di nuova stipula tra professionisti e privati, dà luogo a nullità dello stesso.
1) Vidimazione parcelle su prestazioni anteriori al 24/01/2012
La Commissione Parcelle continua a fornire la sua consulenza istituzionale – applicando i criteri fino ad allora in
vigore -per quanto riguarda l’opinamento di parcelle relative a lavori in essere con decorrenza anteriore il citato DL.
Diritti: 1,5% dell’importo totale della parcella esclusa IVA.
L’acconto è pari al 50% del diritto di vidimazione con un minimo di 50,00 euro.
(Delibera Consiliare del 20/12/2017)
2) Parere preventivo su prestazioni anteriori il 24 gennaio 2012
Comporta il rilascio di un parere preventivo, esclusivamente in merito ai criteri di calcolo dell’onorario, senza entrare
nel merito dei relativi importi.
Diritti: € 51,65
(Delibera Consiliare del 17/11/2014)
3) Per incarichi successivi alla data del 24 gennaio 2012, condizione indispensabile per la liquidazione della parcella è
l’esistenza di un accordo tra le parti; ai fini istruttori, oltre alla documentazione riferita alla prestazioni svolte, dovrà
essere trasmessa copia della parcella presentata al committente e copia del preventivo scritto e dettagliato con lo
stesso pattuito o in alternativa una dichiarazione del professionista di quanto pattuito verbalmente. Per affidamenti di
Per incarichi successivi al 31.12.2013 si dovrà presentare copia del contratto d’incarico stipulato per iscritto nel
rispetto di quanto previsto dalle Norme Deontologiche.
Diritti: 1,5% dell’importo totale della parcella esclusa IVA.
L’acconto è pari al 50% del diritto di vidimazione con un minimo di 50,00 euro.
(Delibera Consiliare del 20/12/2017)
4) Parere di congruità sulla liquidazione a consuntivo dell’onorario richiesto rispetto alla effettiva prestazione
professionale svolta. Tale verifica attiene alla vera e propria congruità dell’onorario, ovvero alla corrispondenza di
questo alla reale entità della prestazione effettuata, sulla base di quanto preventivamente concordato con la
committenza
Il parere di congruità si rende necessario in tutti i casi di contenzioso sulla liquidazione degli onorari. La prestazione,
quindi, deve essere individuata in base all’esame degli elaborati e di ogni altra documentazione idonea a dimostrare le
prestazioni effettivamente commissionate e portate a termine.
Ai fini del rilascio del parere di congruità:
– per incarichi successivi alla data del 24 gennaio 2012, condizione indispensabile per la liquidazione della parcella è
l’esistenza di un accordo tra le parti; ai fini istruttori, oltre alla documentazione riferita alla prestazioni svolte,
dovrà essere trasmessa copia del preventivo scritto e dettagliato con lo stesso pattuito o in alternativa una
dichiarazione del professionista di quanto pattuito verbalmente.
– per affidamenti di incarico successivi al 31.12.2013 si dovrà presentare copia del contratto d’incarico stipulato per
iscritto nel rispetto di quanto previsto dalle Norme Deontologiche.
Diritti: 1,5% dell’importo totale della parcella esclusa IVA con un minimo di 50,00 euro.
(Delibera Consiliare del 20/12/2017)
Tutti i procedimenti amministrativi di competenza dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori – e
tra questi quanto inerente il rilascio di pareri di congruità / liquidazione parcelle – osservano quanto disposto dalla Legge
7 agosto 1990 n. 241 e s.m.i..

PARAMETRI DM 140/2012

COMPENSI LLPP DM 143/2013

Disciplinari d’incarico e contratti tipo

COSTI COSTRUZIONE EDILIZIA

Il CNAPPC ha sviluppato, di concerto con CRESME, un applicativo web estremamente intuitivo e versatile, messo a disposizione gratuitamente per C.T.U. e C.T.P. iscritti al sistema ordinistico nazionale, e per tutti gli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori iscritti agli Ordini provinciali e censiti sull’Albo Unico Nazionale, in grado di calcolare, in modo immediato e semplice, i costi di costruzione per edilizia di nuova costruzione secondo i parametri giudiziali del DM 140/2012.

Per utilizzare la procedura, è necessario accedere ai servizi AWN, selezionare il link “ACCESSO CRESME” presente nella spalla destra della pagina.